Come preparare gli hamburger di lenticchie proteici

By
Updated: Giugno 13, 2019

Per preparare gli hamburger di lenticchie, iniziamo dalla preparazione di queste ultime. Le lenticchie sono particolarmente nturenti, ricche di proteine, fibre, ferro, magnesio e potassio. Prima dell’utilizzo, se si utilizzano i legumi secchi, è necessario ammollarle secondo le istruzioni presenti sulla confezione. Qualora non ci fossero, dopo averle sciaquate sotto acqua fredda, lasciamole in acqua a temperatura ambiente per 10 – 12 ore finché il volume sarà indicativamente triplicato.

In commercio si trovano anche le lenticchie decorticate (private cioè della classica pellicina esterna) che risultano ancora più digeribili, soprattutto per chi avesse notato problemi in tal senso con questo legume.

Le lenticchie vanno nuovamente sciacquate in acqua fredda per rimuovere tutti i residui indesiderati (i fitati in particolare). A parte in un mixer è possibile sminuzzare sedano, carote, aglio e cipolla, secondo il proprio gusto, insieme a un peperoncino e un pizzico di sale. Per quanto riguarda l’olio possono essere sufficienti uno o due cucchiai a seconda della quantità di lenticchie.

Dopo avere versato in una casseruola le lenticchie, vanno lasciate cuocere questo brodo in cui avremo versato il soffritto per un’ora e mezza o due ore a seconda della varietà del vegetale che dovrebbe essere indicata sulla confezione. Nel dubbio è meglio procedere all’assaggio ogni 15 minuti circa 🙂

Hamburger di lenticchie: aumentiamo la consistenza con patate e riso

Per offrire una maggiore consistenza ai nostri hamburger andiamo a preparare una purea di patate da insaporire con noce moscata e latte vegetale. Possiamo fare la stessa cosa con il riso preferibilmente integrale.

In una ciotola andremo così ad unire le lenticchie, il riso bollito, le patate passate e la passata di pomodoro. Secondo i nostri gusti potremo aggiustare di sale e prezzemolo. Potremo anche aggiungere semi di sesamo.

Gli ingredienti vanno mescolati per ottenere una massa soda, in maniera che l’impasto possa essere lavorato facilmente con le mani. Se risultasse troppo molle è possibile aggiungere pane grattugiato, anche senza glutine. Se invece l’impasto fosse troppo asciutto si può aggiungere più latte o più passata di pomodoro.

L’impasto, secondo le dosi che forniremo, va diviso in sei parti regolari e da ognuna si ricaverà un hamburger. Per la forma, ci possiamo avvalere dell’aiuto di un coppapasta oppure di una tazza da colazione capovolta. Possiamo cospargere la superficie di ogni hamburger con pane grattugiato o formaggio vegetale.

La cottura finale del nostro hamburger

Questi hamburger possono essere cotti al forno oppure in padella con un filo d’olio, armonizzandoli anche qui a piacere con del rosmarino.

Per quanto riguarda le dosi di sei hamburger consigliamo

  • 200 g di lenticchie secche,
  • olio extravergine d’oliva,
  • fino a 100 g di pane grattugiato,
  • 30 g di semi di sesamo,
  • 150 g di riso integrale bollito,
  • 50 g di passata di pomodoro,
  • 150 g di purè di patate.

Il piatto proposto oggi può essere realizzato privo di glutine, colesterolo e lattosio, attenendosi alla ricetta e alle varianti che abbiamo indicato, ad esempio per quanto riguarda la qualità del pane di origine. Grazie al buon apporto di proteine, fibre e carboidrati, rappresenta una pietanza ideale per gli sportivi ma che accontenterà i gusti di chiunque, bambini compresi!

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply