Come scoprire l’integratore giusto

By
Updated: Ottobre 16, 2019

Nell’approfondimento odierno rispondiamo ad una delle più frequenti domande in merito alla scelta degli integratori più adatti. Il panorama della nutrizione sportiva e salutistica è ad oggi estremamente ampio e anche se a prima vista potrebbe sembrare diversamente, ogni proposta è diversa dall’altra. Sicuramente può capitare di individuare integratori che contengano gli stessi ingredienti, ma la provenienza, la qualità, la concentrazione degli stessi potrebbe essere decisamente differente, senza contare altre caratteristiche distintive che andremo poi ad approfondire nei prossimi paragrafi.

Questa varietà è per certi aspetti sicuramente un vantaggio, ma dall’altra parte troviamo che possa disorientare il consumatore al momento dell’acquisto. Gli integratori vanno individuati in funzione delle proprie esigenze, identificate con l’aiuto di una persona esperta, che possono avere come obiettivo la promozione di un migliore benessere generale o un particolare obiettivo sportivo o fisico.

Il primo aspetto che ci viene in soccorso per riconoscere le caratteristiche di un supplemento è sicuramente la sua etichetta nutrizionale in cui vengono dichiarati ingredienti e valori contenuti. L’etichetta ci consente di valutare i dosaggi e la presenza di sostanze desiderate o indesiderate, a seconda di allergie, preferenze alimentari, sinergia con altri prodotti che stiamo consumando.

Contenuto e confezione: la scelta dell’integratore migliore

Un’altra considerazione è la qualità della confezione, che può essere realizzata in vetro, in blister, derivati plastici e così via. Il vetro garantisce una migliore conservazione del contenuto, soprattutto il vetro ambrato che protegge anche dalla luce. Tuttavia le nuove formule plastiche garantiscono un’alternativa eccellente per la protezione delle capsule o delle compresse anche nei confronti del calore e dell’umidità.

Metalli pesanti e allergie: individuare il supplemento più adatto

Riguardo agli allergeni, è opportuno considerare attentamente le etichette valutando l’elenco degli ingredienti che salvo allergie particolari come ad esempio frumento, avena, latte, soia e così via possono essere consumate in totale tranquillità.

Alcuni prodotti a base di pesce, olio di pesce e altri derivati ittici possono contenere una certificazione di assenza dei metalli pesanti, fondamentale soprattutto per integratori che vengono destinati ai bambini. Piombo, cadmio e mercurio infatti possono alterare gravemente le capacità cognitive e lo sviluppo fisico degli infanti. Ovviamente si tratta di sostanze dannose anche per gli adulti ma per i bambini si evidenzia una sensibilità ancora maggiore.

Nel prodotto possiamo trovare anche un’indicazione circa la gastroresistenza, ossia la capacità degli attivi di sopravvivere attraverso i vari passaggi del tubo digerente: si tratta di una qualità fondamentale per i supplementi a base di Probiotici ad esempio, che devono poter raggiungere l’intestino inalterati. Solo in questa maniera potranno essere utilizzati sia a stomaco vuoto che durante il pasto.

Un altro fattore importante da considerare riguarda la destinazione del prodotto rispetto specifici stili di dieta. Tanti integratori infatti evidenziano se il loro contenuto risulti idoneo ad uno stile di vita vegetariano, vegano, celiaco, se siano presenti altri allergeni o derivati animali, sei siano o meno destinati anche un pubblico di bambini.

Qualsiasi sia il prodotto scelto è fondamentale attenersi alle indicazioni presenti e consultarsi con il proprio specialista in caso di dubbi sul dosaggio e le possibili controindicazioni, soprattutto se l’assunzione avviene in concomitanza ad una patologia sospetta o in corso e contemporaneamente alla somministrazione di medicinali.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply