Quando è utile assumere il magnesio

By
Updated: gennaio 2, 2019

Il magnesio è uno dei minerali maggiormente presenti in natura, che costituisce addirittura il 2% dell’intera crosta terrestre e che è ampiamente concentrato anche nell’acqua di mare. Tale minerale alcalino terroso partecipa a numerose reazioni chimiche all’interno del nostro corpo nonché alla sintesi di oltre 100 enzimi.

Il 99% di questa molecola si trova dentro le cellule di cui circa un 50% nelle ossa, un 25% nei muscoli, un 25% nel sistema nervoso, nel fegato, nei reni e in altri organi mentre una piccola quota nei liquidi al di fuori delle cellule.

Come assumere il magnesio

Per quanto riguarda l’alimentazione esso può essere ottenuto ingerendo cereali integrali, frutta secca, carni, prodotti derivati del latte e legumi. Nel nostro corpo si contano circa 24 g di magnesio e il nostro fabbisogno giornaliero varia da 300 a 500 mg.

Il magnesio partecipa alle reazioni di produzione energetica, all’attività del muscolo cardiaco, alle contrazioni muscolari, regola la pressione e il tono dei vasi sanguigni. Questo integratore risulta quindi estremamente efficace per controllare la pressione arteriosa.

Per quanto riguarda l’aspetto energetico è capace di legarsi dal punto di vista chimico a gruppi fosfato consentendo alla cellula di svolgere importanti attività energetiche e metabolizzare i carboidrati. Il magnesio partecipa anche al mantenimento della omeostasi dei liquidi cellulari ed extracellulari insieme a potassio, solfati e fosfati.

Integrazione di magnesio in ambito sportivo

Per quanto riguarda nello specifico l’aspetto sportivo l’integrazione di magnesio viene associata in primo luogo al reintegro di sali minerali perduti dopo una lunga sessione di sport che hanno comportato una sudorazione importante. Tuttavia questo supplemento svolge anche un reale effetto ergogenico migliorando la trasmissione dei segnali nervosi, la pressione del sangue, l’equilibrio degli elettroliti ed esplicando una funzione energetica: tutte queste attività migliorano i risultati in qualsiasi sport sia di resistenza che di potenza.

Non bisogna inoltre dimenticare che questa sostanza è importantissima per poter assimilare calcio, potassio e fosforo, nonché per regolare l’attività muscolare e nervosa, influenzando la permeabilità delle membrane delle cellule. Riduce l’eccitabilità dei nervi e dei muscoli, tiene sotto controllo la secrezione di adrenalina risultando quindi efficace anche in caso di crampi, emicranie, intestino irritabile e tachicardia. Tale molecola garantisce i processi di metabolismo dei lipidi, dei carboidrati e delle proteine nonché è sfruttata per la già citata produzione energetica.

Per quanto riguarda le modalità di utilizzo il magnesio solfato o il magnesio carbonato (sali inorganici) vanno assunti in una una dose di 500 mg al giorno mentre per i sali organici come il magnesio citrato ne bastano 300 mg per via di una maggiore biodisponibilità.

Per migliorare l’assorbimento di questo supplemento naturale si consiglia di utilizzarlo durante o dopo l’attività fisica insieme una miscela di elettroliti che contengano potassio, sodio e cloro in maniera da garantirne un migliore ingresso nelle cellule. In caso di carenze si possono somministrare fino a 1500 mg al giorno suddivisi in tre differenti somministrazioni.

Gli sportivi non sono gli unici destinatari di questo supplemento che può risultare estremamente utile anche per gli studenti e tutti coloro che trovano difficoltà a mantenere la propria concentrazione. Grazie inoltre all’attività di questa molecola sulla muscolatura una sua integrazione può risultare importante anche per le donne nell’ambito del controllo del dolore durante il loro ciclo mensile.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply