Stress e malattie: come sono correlati

By
Updated: Settembre 11, 2019
gestione dello stress

Lo stress è un fenomeno del tutto naturale, una risposta del nostro corpo che consente di rispondere a situazioni che alterano l’equilibrio individuale, creando una forma di disarmonia che, se è protratta nel tempo, può trasformarsi in una patologia.

Un famoso clinico canadese ha scoperto che qualsiasi agente stressante genera risposte specifiche o di adattamento nel nostro corpo, descrivendo così la sindrome di adattamento generale che viene suddivisa in tre fasi. La prima di queste è una situazione di allarme, cui segue una fase di resistenza ed infine quella di esaurimento.

Lo stress è una normale risposta fisiologica

In ognuna delle fasi lo stato energetico risulta inferiore rispetto alla precedente e insieme costituiscono la risposta che il corpo mette in atto per la propria sopravvivenza.

La fase di allarme determina una secrezione maggiore degli ormoni prodotti delle ghiandole surrenali, si alza la pressione del sangue e una maggiore quantità di glucosio finisce nel flusso ematico, fornendo un grosso sostegno energetico per la reazione cosiddetta di attacco o fuga.

Se ad esempio un leone nella giungla compare all’improvviso  davanti a noi con intenti aggressivi, le reazioni per salvarsi sono essenzialmente due: fuggire o affrontare l’animale, ed in entrambi i casi sono necessari molti zuccheri per avere energia. Quest’energia proviene dagli zuccheri indotti dagli ormoni dello stress ossia l’adrenalina, il cortisolo e il Dhea che viene sintetizzato per compensare gli effetti catabolici del cortisolo stesso.

Meccanismi di sopravvivenza e gestione dello stress

Quando la situazione stressante da acuta si trasforma in cronica ossia se, continuando l’analogia, il leone continua a spuntare all’improvviso, si verifica una trasformazione dalla fase primaria di allarme a quella di resistenza. L’attacco fuga non può essere mantenuto al medesimo livello e in questa fase la risposta del corpo alla situazione stressante è legata più al cortisolo e meno all’adrenalina. Inizialmente il cortisolo è alto per compensare la totale caduta di adrenalina e noradrenalina, poi se lo stress continua per lungo tempo, il corpo non può più affrontare la situazione allo stesso modo e si raggiunge la fase di esaurimento. Durante l’esaurimento inizia a rallentare la produzione di cortisolo.

La fosfatidilserina aiuta a ridurre i livelli eccessivi di cortisolo, come quella di PS250 edlla Nutrition Labs.

Associando questa spiegazione agli approfondimenti forniti da altri studi scientifici, la risposta allo stress ha lo scopo ultimo di utilizzare le riserve organiche per riportare l’organismo in condizioni di poter affrontare altri stress. La nostra riserva funziona proprio come un tampone per mantenere una capacità di adattamento fisiologica costante, sinonimo di sopravvivenza.

Disfunzione nella risposta allo stress cronico: l’origine delle malattie

Quando le riserve scarseggiano o quando gli stress superano la capacità del corpo di adattarsi, si verifica una disfunzione nella risposta allo stress e questo può generare malattie perché le riserve metaboliche del corpo vanno ad esaurirsi. Se l’adattamento al ribasso risulta funzionale e preserva la sopravvivenza, dall’altro rende il corpo più vulnerabile e questo fenomeno è piuttosto frequente nei soggetti sottoposti a forme di stress continuo, che si traduce in una situazione di enorme squilibrio ormonale. Anche l’attività fisica può contribuire ad aumentare lo stress se non è adeguatamente programmata: può essere d’aiuto un prodotto come Joint Support Pack che contiene lo stress da attività fisica e preserva la salute articolare.

Molte realtà croniche e degenerative non sono dovute alla presenza di germi, traumi o sostanze tossiche ma a disturbi legati all’adattamento o disfunzioni nella risposta allo stress e si tratta delle condizioni in cui il supporto proveniente da uno stile di vita più corretto (in sinergia a prodotti come Anti Stress Super Drink della Nutrisslim) può rappresentare spesso non solo un miglioramento ma anche la soluzione.

You must be logged in to post a comment Login

Leave a Reply